Sport – Relax in montagna

OPPORTUNITA’ IN MONTAGNA

sport – relax – escursioni – tra arte, storia e tradizioni


Perchè scegliere il B&B Villa Verde

La formula bed and breakfast pernottamento e colazione – consente di personalizzare la propria vacanza, organizzare al meglio il proprio tempo, offrendo maggiori opportunità di scoprire le bellezze del luogo e di gustare le specialità valtellinesi;

* ambiente familiare e cordiale, ma anche discreto e rispettoso della privacy degli ospiti;

* gestori disponibili al dialogo e a fornire informazioni e materiale turistico. Possibilità di visite guidate in loco.

Perché scegliere Grosio per una vacanza

* Posizione strategica: tra Tirano e Bormio, alle porte dell’alta Valtellina e al centro delle più note stazioni turistiche: St. Moritz, Bormio, Livigno, Santa Caterina, nonchè dei passi che hanno segnato la storia del ciclismo: Mortirolo, Stelvio, Gavia, Bernina, Aprica, Verva.
* a 15′ da Bormio: sport e relax, piste da sci, campi di pattinaggio, piscina termale olimpionica, centri termali Bagni Vecchi e Bagni Nuovi con i quali siamo convenzionati.
* a 10′ da Tirano: trenino rosso del Bernina, diretto a St. Moritz , basilica d’Apparizione, cantine vinicole, museo etnografico.
* Grosio custodisce un patrimonio di peculiarità e bellezze che merita di essere conosciuto.
E’ un borgo di circa 5000 abitanti che, nel contesto culturale della Provincia, occupa un posto di primaria importanza, non solo per le cospicue testimosi nianze archeologiche, storiche ed artistiche presenti sul suo territorio, ma anche per la ricchezza di usi e costumi che il Grosino ha saputo conservare nella continuità e nella fedeltà a una tradizione che rimane tuttora simbolo di unità, di orgoglio e di fierezza.
* ambiente salubre, luogo tranquillo, gente vivace, attiva e cordiale;
* vi si trova storia ed arte, tradizione e folclore, laghetti, torrenti e montagne e specialità gastronomiche;
* sia la Valgrosina, che confina con la Svizzera e comunica con la Valdidentro, sia il versante orobico del paese che culmina al passo del Mortirolo, offrono incontaminati paesaggi e soddisfano gli appassionati di escursioni, trekking, alpinismo e mountain bike, i cercatori di funghi o di frutti di bosco e chi ama pescare lungo il torrente o nei laghetti di alta montagna;

* i cultori di linguistica, dialettologia e toponomastica possono approfondire le loro conoscenze presso l’IDEVV – Istituto di dialettologia ed etnografia di Valtellina e Valchiavenna – con sede a Grosio. Il prezioso Dizionario etimologico grosino, ad oggi tra i più consultati nell’arco alpino, è una fonte preziosa per ricostruire storia, usi e costumi della nostra gente;
* Grosio è ben fornito di negozi, bar, pub, gelaterie, pasticcerie, pizzerie, ristoranti, locali tipici, dove acquistare o degustare i prodotti del luogo: la bresaola, i formaggi, il burro d’alpeggio, i pizzoccheri, gli sciatt, la farina di grano saraceno, i funghi porcini, la selvaggina, la pestèda, i vini valtellinesi, miele e marmellate.

A Grosio è possibile visitare:

*il Parco delle incisioni rupestri con i castelli medioevali, testimonianza della continuità abitativa di questi luoghi dalla preistoria ad oggi; la rupe magna è la più grande roccia incisa di tutto l’arco alpino. L’ingresso al parco è libero. Guarda il video
*La Villa Visconti Venosta, con museo e biblioteca, circondata da un immenso parco, in parte attrezzato ad area giochi per i bimbi;
*il museo del costume grosino;
*il centro storico con incastonata l’antica Chiesetta di S. Giorgio (sec XV);
*l’imponente chiesa parrocchiale dedicata a S. Giuseppe (sec XVII).

a Grosotto paese limitrofo a 1 Km di distanza:

il Santuario della B.V. delle Grazie (sec XVI-XVII) che conserva opere d’intaglio di notevole valore artistico, nonchè la “Sacra famiglia” di Marcello Venusti, allievo di Michelangelo;
il centro storico con le sue bellissime fontane;
un vecchio mulino con macine a pietra e un torchio vinario settecentesco.

a Mazzo

il centro storico con la Parrocchiale di S. Stefano, sede dell’antica Pieve, con il battistero originario (sec VI-VII) ed eleganti palazzi settecenteschi.

Foto Gallery